SISTRI solo per rifiuti pericolosi dal 1° ottobre

Con il Consiglio dei Ministri del 26 agosto sono state  approvate le misure di semplificazione e revisione del sistema informatico per il tracciamento dei rifiuti (SISTRI) , che riguarderà principalmente quelli pericolosi e non più anche quelli speciali . In questo modo il numero coloro che saranno interessati dal nuovo adempimento che prenderà il via il prossimo 1° ottobre (3 marzo 2014 per i Comuni e le imprese di trasporto dei rifiuti urbani della Campania) scende da 70.000 a 17.000 utenti.
Si tratta di chi raccoglie, trasporta e tratta i rifiuti pericolosi. Le novità che escludono chi tratta rifiuti speciali puntano ad alleggerire gli aggravi burocratici per le aziende della filiera dei rifiuti e a ridurre i costi di esercizio del sistema. «Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) sarà molto più semplice e riguarderà principalmente i rifiuti pericolosi», si legge nella nota stampa di Palazzo Chigi. «I produttori iniziali di rifiuti pericolosi e gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale, o che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti pericolosi, inclusi i nuovi produttori, potranno aderire al sistema di controllo su base volontaria», continua la nota stampa. Mano leggera poi per le inadempienze formali: non ci saranno sanzioni in caso di errori nella trascrizione delle informazioni a meno che queste non si ripetano nel tempo. Le nuove semplificazioni del SISTRI dovranno però essere stabilite periodicamente con decreto del ministro dell’Ambiente.
Per approfondimenti rimandiamo al sito del SISTRI

Post popolari in questo blog

Obbligo di formazione addetti alla posa segnaletica stradale traffico veicolare, decreto 22 gennaio 2019 in GU

Impianti di Stoccaggio Rifiuti: Obbligo Redazione Piano di Emergenza Interno